Biblioteca Ragazzi
Facebook
 
Opac ragazzi
Cataloghi
+  informazioni
 
  Biblioteca Ragazzi Adamo Bettini
Biblioteca Malatestiana
 

cerca
   
Comune di Cesena
Comune di Cesena
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
proposte di lettura
Giovanni Pascoli. Piccola antologia

 L'intera poetica di Giovanni Pascoli riconduce al tema del “fanciullino”, ossia all'ingenuità, allo stupore, alla meraviglia, della “prima volta”. Il poeta è il solo in grado di dar voce a questo “fanciullino”: «tu sei antichissimo, o fanciullo! E vecchissimo è il mondo che tu vedi nuovamente»!

Giovanni Pascoli nasce l'ultimo giorno dell'anno 1855 a San Mauro di Romagna, oggi San Mauro Pascoli. È il quarto dei dieci figli di Ruggero e Caterina Vincenzi Allocatelli, fattori presso la tenuta dei principi di Torlonia.
Giovanni non ha ancora compiuto i dodici anni quando il padre viene assassinato, in modo misterioso, il 10 agosto 1867. Questo lutto segnerà per sempre la sua vita, l'unità della sua famiglia e la sua poesia, ma numerose altre prove di perdita lo attendono: subito dopo il padre, muoiono la sorella maggiore Margherita e la madre; di lì a poco il prediletto fratello Luigi e nel 1876, all'età di soli ventiquattro anni, anche il fratello Giacomo.
La risposta di Pascoli a questo inconsolabile dolore si concentra nel suo impegno negli studi e in seguito nella carriera universitaria che lo porterà ad ottenere la prestigiosa cattedra di Letteratura italiana all'Università di Bologna, da poco lasciata dal suo maestro Carducci.
Pascoli non si sposerà mai e sceglie di vivere insieme alle sorelle Maria e Ida; quando quest'ultima decide di sposarsi, Giovanni vive questa decisione come un vero e proprio tradimento.
Muore a Bologna il 6 aprile del 1912.

Romagna (a Severino)

Sempre un villaggio, sempre una campagna
mi ride al cuore (o piange), Severino:
il paese ove, andando, ci accompagna
l'azzurra vision di San Marino:

sempre mi torna al cuore il mio paese
cui regnarono Guidi e Malatesta,
cui tenne pure il Passator cortese,
re della strada, re della foresta.

Là nelle stoppie dove singhiozzando
va la tacchina con l'altrui covata,
presso gli stagni lustreggianti, quando
lenta vi guazza l'anatra iridata,

oh! fossi io teco; e perderci nel verde,
e di tra gli olmi, nido alle ghiandaie,
gettarci l'urlo che lungi si perde
dentro il meridiano ozio dell'aie;

mentre il villano pone dalle spalle
gobbe la ronca e afferra la scodella,
e '1 bue rumina nelle opache stalle
la sua laborïosa lupinella.

Da' borghi sparsi le campane in tanto
si rincorron coi lor gridi argentini:
chiamano al rezzo, alla quiete, al santo
desco fiorito d'occhi di bambini.

Già m'accoglieva in quelle ore bruciate
sotto ombrello di trine una mimosa,
che fioria la mia casa ai dì d'estate
co' suoi pennacchi di color di rosa;

e s'abbracciava per lo sgretolato
muro un folto rosaio a un gelsomino;
guardava il tutto un pioppo alto e slanciato,
chiassoso a giorni come un biricchino.

Era il mio nido: dove immobilmente,
io galoppava con Guidon Selvaggio
e con Astolfo; o mi vedea presente
l'imperatore nell'eremitaggio.

E mentre aereo mi poneva in via
con l'ippogrifo pel sognato alone,
o risonava nella stanza mia
muta il dettare di Napoleone;

udia tra i fieni allor allor falciati
da' grilli il verso che perpetuo trema,
udiva dalle rane dei fossati
un lungo interminabile poema.

E lunghi, e interminati, erano quelli
ch'io meditai, mirabili a sognare:
stormir di frondi, cinguettio d'uccelli,
risa di donne, strepito di mare.

Ma da quel nido, rondini tardive,
tutti tutti migrammo un giorno nero;
io, la mia patria or è dove si vive:
gli altri son poco lungi; in cimitero.

Così più non verrò per la calura
tra que' tuoi polverosi biancospini,
ch'io non ritrovi nella mia verzura
del cuculo ozïoso i piccolini,

Romagna solatia, dolce paese,
cui regnarono Guidi e Malatesta;
cui tenne pure il Passator cortese,
re della strada, re della foresta.

X agosto

San Lorenzo , io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.
Ritornava una rondine al tetto :
l’uccisero: cadde tra i spini;
ella aveva nel becco un insetto:
la cena dei suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono ;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono.
Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male

La mia sera

Il giorno fu pieno di lampi;
ma ora verranno le stelle,
le tacite stelle. Nei campi
c'è un breve gre gre di ranelle.
Le tremule foglie dei pioppi
trascorre una gioia leggiera.
Nel giorno, che lampi! che scoppi!
Che pace, la sera!
Si devono aprire le stelle
nel cielo sì tenero e vivo.
Là, presso le allegre ranelle,
singhiozza monotono un rivo.
Di tutto quel cupo tumulto,
di tutta quell'aspra bufera,
non resta che un dolce singulto
nell'umida sera.
È, quella infinita tempesta,
finita in un rivo canoro.
Dei fulmini fragili restano
cirri di porpora e d'oro.
O stanco dolore, riposa!
La nube nel giorno più nera
fu quella che vedo più rosa
nell'ultima sera.
Che voli di rondini intorno!
Che gridi nell'aria serena!
La fame del povero giorno
prolunga la garrula cena.
La parte, sì piccola, i nidi
nel giorno non l'ebbero intera.
Nè io ... che voli, che gridi,
mia limpida sera!
Don ... Don ... E mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi! sussurrano,
Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra ...
Mi sembrano canti di culla,
che fanno ch'io torni com'era ...
sentivo mia madre ... poi nulla ...
sul far della sera.

 Tutte le immagini che seguono sono di Ugo Bertotti

Malatestiana
Malatestiana
Malatestiana
Malatestiana
Malatestiana
‹  indietro
condividi   condividi
   
   
torna in alto Top
 
links              copyright              statistiche
  Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! © Istituzione Biblioteca Malatestiana / p.iva 00143280402